La polizia turca fa irruzione sul posto di lavoro dei giornalisti

Reading Time: 1 minute read

La polizia turca ha fatto irruzione nell’ufficio di due giornalisti, pochi giorni dopo che il ministro dell’Interno Süleyman Soylu aveva presentato una denuncia penale contro di loro, secondo quanto riportato dal quotidiano Cumhuriyet.

La polizia ha sequestrato i telefoni cellulari e il materiale digitale appartenenti ai fratelli Hadi e Süleyman Özışık a seguito di un’irruzione nell’ufficio di un sito Internet di proprietà della coppia a Istanbul, ha detto Cumhuriyet.

Il ministro degli interni turco ha presentato una denuncia penale contro i giornalisti, dopo che il leader del crimine organizzato Sedat Peker ha affermato che la coppia aveva lavorato come mediatore tra lui e Soylu.

Il boss della mafia in esilio Peker, che è stato incarcerato nel 2017 con l’accusa di criminalità organizzata, ha pubblicato una serie di video online dall’inizio del mese che descrive in dettaglio il presunto coinvolgimento di funzionari governativi, tra cui Soylu, in crimini tra cui uso di droga, violenza sessuale e morte inspiegabile. Peker ha affermato che Soylu gli ha fornito sicurezza e ha facilitato la sua uscita dal paese dopo averlo avvertito del suo imminente arresto.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.