Microplastiche nel mondo, ogni giorno i bambini consumano oltre 1,5 milioni

Reading Time: 1 minute read

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Food ha rivelato che i bambini di tutto il mondo consumano oltre 1,5 milioni di microplastiche ogni giorno. Secondo lo studio, le microplastiche vengono rilasciate in grandi quantità nei biberon di plastica, soprattutto quando i biberon vengono riscaldati.

Ma il riscaldamento della formula nella bottiglia è una pratica standard nella preparazione della formula e la maggior parte delle bottiglie sul mercato sono di plastica.

Mentre lo studio ha dimostrato oltre ogni dubbio che le bottiglie di plastica stanno rilasciando microplastiche, i ricercatori hanno affermato che non c’è ancora bisogno di allarme.

Secondo Philipp Schwabl, un ricercatore presso l’Università di Medicina di Vienna che ha anche studiato microplastiche, i genitori non dovrebbero preoccuparsi fino a quando non saranno disponibili maggiori informazioni.

Secondo un rapporto pubblicato lo scorso anno dall’Organizzazione mondiale della sanità, non ci sono prove sufficienti per dimostrare che le microplastiche siano dannose per l’uomo .

Gli autori dello studio hanno scoperto che circa l’82% di tutti i biberon venduti a livello globale sono realizzati in polipropilene.

I ricercatori hanno esaminato 10 tipi di biberon in plastica. Quando sono stati usati per preparare il latte artificiale , è stato rivelato che tutti i 10 flaconi rilasciavano microplastiche e nanoplastiche.

Il latte artificiale è stato preparato secondo le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità, che affermano che il latte artificiale in polvere deve essere miscelato con acqua riscaldata a circa 158 ° F. I ricercatori hanno concluso che il rilascio di microplastiche è sensibile al calore.

Alla temperatura di 158 ° F, la maggior parte delle bottiglie rilasciava tra 1 milione e 16 milioni di microplastiche per litro. Inoltre, le bottiglie hanno anche rilasciato milioni di nanoplastiche.

I ricercatori hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche e più dati raccolti per determinare l’esatto effetto di queste particelle di plastica su bambini e adulti.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.