Navi militari iraniane forse dirette in Venezuela

Reading Time: 1 minute read

Le immagini aeree scattate dall’Istituto navale degli Stati Uniti martedì hanno mostrato una nave da guerra iraniana con sette mezzi missilistici ad alta velocità a bordo che si pensa siano diretti in Venezuela.

La nave, insieme a un’ex petroliera chiamata Makran, è stata avvistata mentre viaggiava lungo la costa orientale dell’Africa.

La loro destinazione finale rimane sconosciuta, ma l’intelligence statunitense crede che siano diretti in Venezuela.

La Makran è stata vista lasciare il porto di Bandar Abbas il 28 aprile. Alla domanda sulla destinazione delle navi, i funzionari del ministero degli Esteri iraniano hanno affermato i loro diritti ad operare in tutto il mondo.

Ciascuno dei mezzi a bordo della nave da guerra misura circa 17,5 metri di lunghezza. La nave potrebbe anche trasportare altre armi e hardware militare.

Iran e Venezuela hanno sviluppato stretti legami nel corso degli anni e cooperano su più fronti, tra cui la spedizione di petrolio e progetti relativi a cose come automobili e cemento.

Il regime venezuelano ha parlato apertamente dell’acquisizione di armi e armi dall’Iran in passato, il che ha suscitato preoccupazione negli Stati Uniti.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.