Detriti spaziali, nuova indagine rileva molti oggetti sconosciuti

Reading Time: 3 minutes read

I detriti che minacciano i satelliti nell’orbita terrestre alta non vengono monitorati abbastanza da vicino, secondo i risultati di un sondaggio pubblicato di recente. Le sonde che orbitano in orbita geosincrona – una regione dello spazio a circa 36.000 km (22.370 mi) sopra la superficie del nostro pianeta – sono responsabili di fornire una gamma di servizi vitali di navigazione, comunicazione e meteo e potrebbero essere a rischio di detriti troppo piccoli o scuri per essere facilmente rintracciabile.

La marcia inarrestabile del progresso tecnologico umano sembra inevitabilmente arrivare a un prezzo pesante per gli ambienti naturali che conquistiamo lungo la strada. La terra e il mare sono disseminati di plastica e il viaggio aereo è diventato una delle principali fonti di inquinamento nel cielo un tempo incontaminato.

L’industrializzazione ha portato alla distruzione sfrenata degli habitat e ora sta cambiando radicalmente il clima del pianeta . Ha persino messo a rischio il futuro della nostra specie. L’umanità si sta ora lentamente spostando verso una modalità di auto-conservazione e sta cercando di frenare i suoi modi inquinanti.

Tutto questo si rispecchia nella nostra espansione nel dominio dello spazio. Da quando abbiamo iniziato a lanciare razzi in orbita negli anni ’50, la quantità di spazzatura prodotta dall’uomo che sferzava la Terra è aumentata costantemente .

I detriti orbitali sono composti da vecchi satelliti defunti e dai razzi che li hanno messi lì. Le dimensioni variano da scaglie di vernice a enormi sezioni di carenatura. Nel febbraio 2009 si è verificato lo scenario peggiore, in cui due grandi satelliti defunti – il commerciale Iridium 33 e il Kosmos-2251 di proprietà militare russa – si sono schiantati l’uno contro l’altro, creando una vasta nube di detriti pericolosi.

Per fortuna, sono state sviluppate nuove strategie per tracciare e, si spera, un giorno far uscire dall’orbita detriti fastidiosi e sono state messe in atto linee guida per ridurre l’afflusso di nuovi detriti da lanci futuri.

Attualmente, il Comando strategico degli Stati Uniti vanta il record più completo di detriti orbitali, con informazioni regolarmente aggiornate da oltre 30 osservatori a terra e una flotta di sei satelliti. Con le sue capacità impressionanti, Strategic Command è in grado di tracciare oggetti in orbita alta fino a 1 m (3 piedi) di diametro. Tuttavia, i loro record sono lungi dall’essere completi.

La nuova indagine si è concentrata sui detriti che popolano lo spazio geosincrono a circa 36.000 km sopra la Terra nell’ambito della collaborazione DebrisWatch tra l’Università di Warwick e il Defense Science and Technology Laboratory nel Regno Unito.

I ricercatori hanno cercato frammenti di detriti piccoli o non riflettenti che riflettessero poca luce, e quindi normalmente sarebbero passati inosservati.

Le immagini raccolte durante l’indagine dall’Isaac Newton Telescope da 2,54 m (8,3 piedi) situato sull’isola di La Palma al largo della costa del Marocco, sono state eseguite attraverso un software specializzato in grado di identificare e caratterizzare potenziali pezzi di detriti. Analizzando le firme luminose degli oggetti che cadono, gli scienziati sono stati in grado di far luce sulle loro dimensioni, forma e altre proprietà della superficie.

La spazzatura spaziale che sfreccia nell’orbita terrestre bassa viene gradualmente rallentata dalla resistenza delle particelle nell’atmosfera del nostro pianeta, che alla fine le fa uscire dall’orbita. Tuttavia, ad altitudini più elevate dello spazio geosincrono, non c’è resistenza atmosferica, quindi è probabile che i detriti rimasti in questa regione rimangano lì, e nel tempo questo potrebbe diventare un problema serio.

Circa il 95 percento dei pezzi di detriti stimati essere di circa 1 m o meno, rendendoli più difficili da monitorare in modo affidabile, non è riuscito a corrispondere a un oggetto noto nel database del comando strategico degli Stati Uniti. Quando si tiene conto di tutti gli oggetti individuati nel sondaggio, inclusi quelli superiori a 1 m, è stato riscontrato che oltre il 75% degli oggetti era sconosciuto.

A seguito della loro scoperta, il team chiede che vengano effettuate indagini più regolari volte a scoprire e caratterizzare le minacce nell’orbita geosincrona. I dati del nuovo studio aiuteranno gli scienziati a sviluppare e aggiornare gli algoritmi utilizzati per analizzare le impronte digitali della luce dei rifiuti spaziali lontani, e così ottenere una maggiore comprensione di ciò che è là fuori e di come si comporta.

Allo stato attuale le collisioni orbitali sono ancora incredibilmente rare, anche se di tanto in tanto la Stazione Spaziale Internazionale deve essere spostata in una nuova orbita temporanea per evitare detriti in arrivo o un satellite errante, come ha fatto questa settimana .

Aumentare gli sforzi per osservare i detriti nell’orbita terrestre bassa e oltre è un passo fondamentale per rendere lo spazio più sicuro. Tuttavia, la proliferazione della tecnologia missilistica significa che siamo pronti a vedere un aumento della spazzatura spaziale nei prossimi decenni e, con essa, una maggiore minaccia per i satelliti infrastrutturali vitali.

Il documento è stato pubblicato sulla rivista Advances in Space Research .
Fonte: Università di Warwick

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.