I produttori di tappeti turchi mirano a superare la Cina nelle esportazioni

Reading Time: 1 minute read

La Turchia, che rappresenta oltre il 67% della produzione mondiale di tappeti fabbricati a macchina, mira a superare la Cina come principale esportatore aumentando le vendite di tutti i tipi di tappeti, comprese le varianti fatte a mano, a macchina e tufting.

La Cina è al primo posto nelle esportazioni di tappeti, ha affermato che le esportazioni turche hanno raggiunto $ 2,3 miliardi negli ultimi 12 mesi e che le esportazioni cinesi hanno raggiunto $ 2,9 miliardi.

La Turchia produce il 67% dei tappeti fabbricati a macchina nel mondo e oltre il 60% di essi è prodotto nella provincia meridionale di Gaziantep, secondo quanto ha dichiarato il presidente dell’Associazione degli esportatori di tappeti dell’Anatolia sud-orientale (GAHİB), Ahmet Kaplan all’Agenzia Anadolu (AA).

Kaplan ha dichiarato che le esportazioni di tappeti turchi hanno raggiunto $ 2,2 miliardi l’anno scorso. “Le nostre esportazioni quest’anno possono raggiungere $ 2,4 miliardi con un aumento del 10%. Siamo al secondo posto nel mondo per l’esportazione di tappeti fatti a mano, fabbricati e trapuntati”.

Fonte

Si ringrazia per la foto, Pineglen

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.