Italia – Coronavirus, ministro dello sport chiede sospensione “immediata” Serie A

Reading Time: 1 minute read

Il ministro dello sport italiano Vincenzo Spadafora ha chiesto oggi, domenica 8 Marzo 2020, una sospensione immediata della stagione di Serie A a causa dell’epidemia di coronavirus.

L’Italia sta sopportando il peso maggiore, in Europa, di un’epidemia emersa per la prima volta in Cina alla fine dello scorso anno, diffondendosi a macchia d’olio in quasi tutto il mondo.

Il presidente della Federcalcio italiana Damiano Tommasi ha twittato domenica che “fermare il calcio è la cosa più utile per il nostro paese in questo momento”.

“La FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio) dovrebbe prendere immediatamente in considerazione l’interruzione della Serie A”, ha scritto Spadafora in una nota sulla sua pagina Facebook.

“Non ha senso in questo momento, poiché chiediamo ai cittadini di fare enormi sacrifici per prevenire la diffusione del virus, mettere in pericolo la vita di giocatori, arbitri, staff tecnico e tifosi che sicuramente si riuniranno per guardare le partite, non sospendendo temporaneamente il calcio.”

“Le squadre di tifo stanno giocando nei nostri ospedali, nei pronto soccorso”, ha scritto Tommasi.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.