La Germania scommette sul rafforzamento della forza politica della NATO

Reading Time: 2 minutes read

La Germania ha deciso questo martedì di “rafforzare il muscolo politico” della NATO per creare una “unione delle democrazie” per il vertice dei leader dell’Alleanza Atlantica che si terrà a giugno.

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Heiko Maas, in una conferenza stampa prima dell’incontro virtuale con i suoi omologhi per preparare l’incontro dei capi di Stato e di governo della Nato, sottolineando che è necessaria un’alleanza “moderna” preparata per il futuro.

Di fronte alla crescente “sfida autocratica”, che diventerà più evidente nei prossimi anni, la NATO deve prepararsi nella sfera politica, oltre a lavorare nella difesa collettiva e nella reazione a qualsiasi situazione di crisi, ha affermato.

Sostenere il “rinnovamento transatlantico” significa “investire nel nostro interesse”, ha affermato.

Maas ha ritenuto che le proposte di riforma avanzate dal segretario generale della Nato Jens Stoltenberg vadano nella giusta direzione ed è convinto che le divergenze evidenziate tra gli alleati possano essere risolte attraverso il “dialogo”.

A suo avviso, ci sono ancora alcune “viti da stringere” per il vertice dei leader, dove vogliono concordare una tabella di marcia per l’evoluzione della Nato entro il 2030.

Il ministro degli Esteri ha difeso la posizione tedesca di mantenere aperti i canali di contatto con la Russia e ha sottolineato che ci sono “offerte di dialogo” a cui Mosca deve rispondere.

Sull’Ucraina ha sottolineato che Berlino è dalla parte di Kiev e non mette in discussione il suo diritto all’autodifesa, ma ha ritenuto che inviare armi al Paese non sia la soluzione al conflitto, che “sarà risolto solo con mezzi politici. ”

A questo punto ha esortato Mosca ad esercitare la sua influenza sui separatisti ucraini orientali per riattivare il processo di pace basato sugli Accordi di Minsk, patto che Kiev e Mosca hanno concluso con l’intermediazione di Berlino e Parigi.

Il governo tedesco era scettico sulla recente richiesta ucraina di adesione alla NATO.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.