Venezuela: ex soldati americani incarcerati per un colpo di stato fallito

Reading Time: 2 minutes read

Un tribunale venezuelano ha condannato due ex soldati americani a 20 anni di carcere per aver tentato di rovesciare il presidente Nicolás Maduro.

Luke Denman e Airan Berry sono stati giudicati colpevoli di cospirazione, traffico illecito di armi e terrorismo.

I due erano tra le 13 persone arrestate a maggio mentre tentavano di entrare in Venezuela via mare dalla Colombia.

Il procuratore generale Tarek William Saab ha detto che i procedimenti continueranno contro altri accusati di aiutare il raid.

In un tweet , il signor Saab ha condiviso immagini di veicoli, armi e documenti di identità, e ha detto che i “mercenari” americani avevano “ammesso la loro responsabilità per i fatti”.

“Baia dei maialini”: un complotto “bizzarro” per catturare un presidente

La crisi del Venezuela in 300 parole

Il Venezuela accusa la Colombia di invasione marittima

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, a lungo un oppositore del presidente socialista Maduro, ha negato le accuse del Venezuela secondo cui lui era dietro l’incidente.

Gli Stati Uniti appoggiano il leader dell’opposizione Juan Guaidó e lo riconoscono come il leader legittimo del paese.

Qual è lo sfondo di questo?
Denman, 34 anni, e Berry, 41 anni, sono ex soldati delle forze speciali che sono apparsi nel video trasmesso dalla TV di stato venezuelana all’inizio di quest’anno.

Nel video, Denman sembra confessare il suo coinvolgimento nell’Operazione Gideon, un complotto per uccidere il presidente Maduro o rapirlo e portarlo negli Stati Uniti.

Denman ha detto che lui e Berry sono stati incaricati da una società di sicurezza con sede in Florida, Silvercorp USA, di eseguire l’operazione. L’azienda è guidata da Jordan Goudreau, un veterano militare americano che ha apertamente ammesso il coinvolgimento nell’operazione.

Il Washington Post ha pubblicato un documento che si dice sia un contratto tra Silvercorp e l’opposizione venezuelana del valore di 213 milioni di dollari (170 milioni di sterline) per invadere il Venezuela e rovesciare il presidente Maduro.

Il leader dell’opposizione Juan Guaidó ha negato di avere qualcosa a che fare con Goudreau.

Le relazioni tra Stati Uniti e Venezuela sono tese. Maduro ha accusato l’America di manipolare l’opposizione politica per rubare la vasta ricchezza petrolifera del paese. L’America e il signor Guaidó, nel frattempo, hanno accusato il presidente del collasso economico del Venezuela.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.