Germania, Droga: Atleta olandese condannato a otto anni e mezzo di carcere

Reading Time: 1 minute read

L’atleta velocista professionista olandese Madiea Ghafoor è stata condannata a otto anni e sei mesi di reclusione per l’importazione di droghe e aiuti al traffico di droga. La 27enne aveva deliberatamente portato circa 50 chilogrammi di estasi e circa due chilogrammi di metanfetamine nell’auto, oltre il confine, nel mese di Giugno 2019.

Nessuno darebbe a un corriere droghe per un valore di vendita di strada di 1,5 milioni di euro, se non lo sapesse. Il rischio sarebbe troppo alto, ha dichiarato il presidente Judge Jürgen Ruby nel verdetto. Ghafoor non ha fornito alcuna informazione sui possibili clienti.

L’avvocato di Ghafoor Norman Werner ha annunciato che avrebbe contestato il verdetto. L’accusata aveva detto in precedenza al suo avvocato che aveva voluto drogarsi prima della Coppa del Mondo a Doha a causa di una forma bassa, e quindi impegnata nel trasporto di agenti dopanti.

I funzionari doganali avevano controllato l’auto dell’atleta all’ingresso sull’autostrada a Emmerich e trovato farmaci multipli, oltre a 12.000 euro in contanti.

Fonte: spiegel

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.