Cina prevede oltre 40 lanci spaziali nel 2021

Reading Time: 2 minutes read

La Cina prevede di effettuare più di 40 lanci spaziali nel 2021, con la costruzione della prima stazione spaziale del paese come priorità assoluta, ha dichiarato mercoledì l’appaltatore nazionale leader di missili China Aerospace Science and Technology Corp (CASC).

La Cina ha effettuato 39 lanci nel 2020, inviando 89 veicoli spaziali nello spazio e battendo il record di peso totale a 103,06 tonnellate, un aumento del 29,3% rispetto all’anno precedente.

Il numero di lanci spaziali della Cina e il peso dei carichi utili nel 2020 si sono classificati al secondo posto nel mondo dopo gli Stati Uniti, segnando importanti passi avanti nell’esplorazione spaziale cinese, afferma il Libro blu.

L’ultimo razzo vettore all’avanguardia della Cina, il Long March-5B, ha effettuato un volo inaugurale con successo a maggio, inviando in orbita pianificata l’assemblaggio di una versione di prova dell’astronave con equipaggio di prossima generazione con un veicolo spaziale di ritorno del carico di prova.

Nel Blue Book of China Aerospace Science and Technology Activities del 2020, CASC ha affermato che parti della stazione spaziale, tra cui il gabinetto centrale Tianhe, le navi spaziali cargo Tianzhou-2 e -3 e lo Shenzhou-12 e -13 veicoli spaziali con equipaggio saranno inviati nello spazio nel 2021.

Per quanto impressionanti siano i risultati, gli analisti spaziali cinesi osservano che permangono alcune lacune tecnologiche nel campo rispetto agli Stati Uniti. Song Zhongping, esperto aerospaziale e commentatore televisivo, ha dichiarato mercoledì al Global Times che gli Stati Uniti sono ancora la forza trainante nella corsa all’esplorazione spaziale globale. Tuttavia, ha osservato che la Cina ha sviluppato un proprio percorso, diverso dagli Stati Uniti.

Nonostante la devastante pandemia che ha colpito il mondo lo scorso anno, la Cina non solo ha tenuto alta la testa e ha fatto passi da gigante nelle proprie missioni spaziali, ma si è anche impegnata in molteplici progetti di cooperazione spaziale con paesi tra cui Argentina, Etiopia, Egitto e altri paesi lungo il Percorsi Belt and Road.

Fonti

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.