Cina produce due terzi delle donne imprenditrici ricche

Reading Time: 1 minute read

La Cina ospita due terzi delle imprenditrici di maggior successo al mondo, tre volte il numero degli Stati Uniti, ha mostrato un rapporto Hurun.

L’Hurun Research Institute ha pubblicato mercoledì le Hurun Richest Self-Made Women in the World 2021, un elenco di donne miliardarie che si sono fatte da sole in tutto il mondo. Questo è l’undicesimo anno in cui l’elenco è stato pubblicato.

L’elenco ha mostrato che il numero di imprenditrici autodidatta con una soglia di attività di 1 miliardo di dollari è cresciuto del 30% nel 2020, raggiungendo un record di 130 persone.

Le donne cinesi sono in testa alla lista, poiché 85 di loro provengono dalla Cina, altre 24 dall’ultimo sondaggio. Gli Stati Uniti si sono classificati al secondo posto con 25 persone e il Regno Unito al terzo posto con 6.

Inoltre, la Cina prende nove dei primi 10 quest’anno e rappresenta quasi l’80% dei nuovi volti nell’elenco quest’anno.

La città di Pechino è il fulcro per “le donne imprenditrici di maggior successo nel mondo”, con 16 donne ricche, seguite da Shanghai.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.