I vantaggi di lavorare con un hacker etico

Reading Time: 1 minute read

Gli attacchi alla sicurezza informatica sono in aumento e le aziende devono esplorare nuovi modi per stare un passo avanti, rispetto agli attori delle minacce. IDG Research Services ha rilevato che il 78% dei leader IT non è sicuro delle posizioni di sicurezza delle proprie aziende, il che porta il 91% delle organizzazioni ad aumentare i finanziamenti per la sicurezza informatica per il 2021.

Come parte di questa maggiore attenzione, molte aziende si rivolgono a gruppi di hacker etici per aiutare prevenire attacchi futuri. Inoltre, sono ora disponibili sul mercato più strumenti di sviluppo open source. Ciò ha reso più facile per le aziende lavorare con gli hacker etici, a maggior ragione con i programmi di bug bounty.

Di recente, l’hacker etico Alex Birsan ha preso di mira strumenti di sviluppo open source. Ha fatto irruzione in più di 35 società diverse, tra cui Microsoft, Apple, Netflix e Uber. Oltre a guadagnare $ 130.000 per i suoi sforzi, Birsan ha anche scoperto la confusione della dipendenza, un nuovo modo in cui gli aggressori stanno lanciando attacchi alla catena di approvvigionamento. Birsan ha condiviso un resoconto dettagliato dei suoi processi e risultati in un post su Medium .

Gli hacker etici come Birsan spesso si definiscono hacker white hat o tester e ricercatori di sicurezza offensivi . Usano gli stessi metodi e strumenti usati dai criminali informatici per cercare di trovare e sfruttare le lacune.

Mentre gli attori delle minacce guadagnano attraverso furti, estorsioni e riscatti, i clienti pagano hacker etici per difendersi da tali attacchi. La differenza più grande è che gli hacker etici tentano di violare e accedere ai sistemi con il permesso. Il loro intento è di essere d’aiuto. Nel frattempo, gli aggressori non hanno il permesso e hanno intenti dannosi.

SecurtyIntelligence.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.