La realtà virtuale, nuova frontiera per presentare le prove in tribunale

Reading Time: 2 minutes read

La realtà virtuale è stata utilizzata solo nelle aule dei tribunali statunitensi per dimostrare aspetti di incidenti stradali minori , ha dichiarato Milosz Krasinski, amministratore delegato della società di consulenza web Chilli Fruit , in un’intervista via e-mail. “L’unico principale ostacolo all’uso diffuso di questa tecnologia si riduce ai costi”, ha aggiunto. “A seconda della sofisticatezza della tecnologia utilizzata, portare in vita una scena del crimine in questo modo costa tra i 15.000 ei 100.000 dollari”.

Un articolo su Marquette Law Review sostiene addirittura che la realtà virtuale potrebbe essere un modo più accurato per ricostruire una scena rispetto a una visione di una giuria dal vivo.

La realtà virtuale potrebbe simulare l’ora del giorno e la presenza di prove fisiche in un modo che la scena reale, spogliata di gran parte delle sue prove materiali prima della visione della giuria, non poteva.

La pandemia di coronavirus potrebbe spingere l’uso della realtà virtuale in aula, affermano gli osservatori. I tribunali stanno tenendo più udienze virtuali a causa delle linee guida di distanziamento sociale, ei risultati, alcuni dicono, sono stati positivi.

Avvocati alle prime armi stanno già usando la realtà virtuale per avere il loro primo assaggio di un’aula di tribunale. All’Access to Justice Lab della Harvard University Law School, i ricercatori hanno sviluppato un software di formazione in realtà virtuale per alcuni avvocati che si occupano di casi pro bono affittuari-locatori attraverso la San Francisco Bar Association.

La formazione realtà virtuale “ha il potenziale per aiutare un sacco di loro superare la paura dell’ignoto, e la paura di impostazioni e pratiche non familiari,” Gloria Chun, il direttore di servizi pro bono per la Giustizia e la diversità Center di San Francisco Bar Association, ha detto Legge360 .

Gli occhiali per la realtà virtuale sono stati recentemente utilizzati per visualizzare le prove in un’aula di tribunale di Hong Kong in una svolta tecnologica sulla legge che potrebbe farsi strada in questo paese.

Le cuffie VR sono state utilizzate durante l’inchiesta sulla morte di uno studente di Hong Kong caduto in un parcheggio multipiano. Fa parte di un piccolo ma crescente movimento per presentare prove attraverso la realtà virtuale. Gli esperti dicono che la realtà virtuale potrebbe portare nuovi modi di presentare le prove alle giurie.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.