Lyft perde 1.138 milioni nei suoi primi risultati dopo l’IPO

Reading Time: 2 minutes read

La società di autonoleggio con conducente Lyft ha annunciato oggi una perdita di $ 1.138 milioni nei primi tre mesi dell’anno, quasi cinque volte superiore a quelle subite nello stesso periodo del 2018, in cui furono i suoi primi conti pubblici dopo la sua uscita sul mercato azionario.

La società di San Francisco (California) è entrata tra gennaio e marzo 776 milioni di dollari, quasi il doppio dei 397 fatturati nei primi tre mesi del 2018, ma le sue spese sono triplicate, il che spiega il grande aumento delle perdite.

Nello stesso tempo, gli investitori di Lyft hanno perso $ 48,53 per azione, rispetto agli 11,69 di un anno fa.

Queste cifre, tuttavia, devono essere contestualizzate nel particolare trimestre in cui la società ha vissuto con la sua IPO il 29 marzo, poiché una parte sostanziale delle spese è legata proprio a tale operazione.

Pertanto, dei 1.138 milioni persi tra gennaio e marzo, 859 corrispondono alla compensazione degli azionisti – qualcosa di specifico dell’uscita dal mercato azionario -, così che la società ha stimato le sue perdite “adeguate” a 211,5 milioni, leggermente al di sotto Perdite rettificate di 234,3 milioni l’anno scorso.

In base a questi criteri contabili, anche le perdite adeguate per titolo scenderebbero a $ 9,02.

La compagnia californiana ha guadagnato il 46% dei passeggeri nell’ultimo anno per raggiungere 20,5 milioni di utenti attivi, aumentando nel contempo il fatturato medio per passeggero del 34%, da $ 28,27 a 37 , 86.

“Il primo trimestre è stato un forte inizio di un anno importante, il nostro primo nel mercato azionario. Il trasporto è uno dei più grandi segmenti della nostra economia e siamo ancora in una primissima fase dell’enorme cambiamento che ci vorrà dal trasferimento dell’auto come proprietà al trasporto come servizio “, ha dichiarato il CEO dell’azienda, Logan Green.

Dal suo debutto nel mercato azionario di New York a marzo, il prezzo di Lyft ha avuto un comportamento irregolare con alti e bassi pronunciati.

Il grande rivale di Lyft e autentico dominatore del trasporto su richiesta in tutto il mondo, Uber, uscirà venerdì alla Borsa di New York con un’operazione in cui intende essere valutato in 100.000 milioni di dollari.

I primi risultati pubblici di Lyft non hanno convinto gli investitori a Wall Street e le azioni della società sono state lasciate all’1,67% a $ 58,35 per azione nelle operazioni elettroniche dopo la chiusura del parco.

Fonte
EFE USA

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.