Russia sta sviluppando armi ipersoniche

Reading Time: 1 minute read

Nel prossimo futuro, la Russia metterà presto in funzione le armi supersoniche di Avangard. Altre armi moderne che Putin ha menzionato come i missili da crociera Kinzhal, i missili anti-nave Zircon saranno presto messi in servizio.

Oltre alle armi offensive, la Russia sta anche sviluppando una nuova stazione radar, appartenente al gruppo radar chiamato Protivnik. Il nuovo radar sarà in grado di rilevare bersagli in movimento superveloce come le armi ipersoniche.

Secondo RT, oltre a Russia, Cina e Stati Uniti stanno sviluppando il proprio programma di armi ipersoniche. Questa è un’arma che raggiunge molte volte la velocità del suono e attualmente non è in grado di intercettare.

Rispondendo in televisione, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che i poteri presto possederanno la tecnologia supersonica delle armi. Ma la Russia si sta preparando, ha detto Putin.

Attualmente la Russia è leader nella tecnologia delle armi ipersoniche. “Sorprenderemo gli altri paesi per il fatto che quando hanno armi supersoniche, sappiamo già come gestirli, molto probabilmente”, ha predetto Putin.

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha menzionato un super missile che è 17 volte più veloce del suono che gli Stati Uniti stanno sviluppando.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.