Fake News, Reuters collabora con Facebook

Reading Time: 1 minute read

Reuters ha rivelato una nuova partnership con Facebook per fermare la diffusione di informazioni false, in particolare nell’arena dei video deep fake. Questo tipo di “fake news” potrebbe aver, dicono gli esperti, influenzato l’esito delle elezioni americane nel 2020.

Reuters pubblicherà i suoi risultati su un sito di blog di nuova creazione per aumentare la trasparenza. C’è già un video ridimensionato che pretende di essere dell’incidente in elicottero che ha ucciso Kobe Bryant e altri in California.

Quindi un nuovo censore delle notizie false si assurge sul piedistallo per fare l’eco ai padroni del web? Oltre a questa nuova partnership di verifica dei fatti, Facebook e Reuters hanno sviluppato una guida per giornalisti e redazioni per essere più in grado di identificare e rifiutare tipi di media manipolati come video, audio e immagini fisse.

Facebook si è impegnata a lavorare con partner di terze parti per aiutare i suoi sforzi per fermare la diffusione di disinformazione sulla scia delle elezioni americane del 2018, che sono state probabilmente manipolate sulla rete dei social media. Questa nuova partnership con Reuters si aggiunge alla lista.

Fonte : Life Wire

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.