News Guard, chi sono, cosa fanno, a chi servono

Reading Time: 2 minutes read

NewsGuard Technologies è stata fondata nel 2018 da Steven Brill e L. Gordon Crovitz , che sono co-CEO. Gli investitori includono la Knight Foundation e Publicis . L’estensione NewsGuard è installata nei browser e avvisa gli utenti quando visualizzano contenuti da quelli che considera siti Web di notizie false.

I giornalisti impiegati da NewsGuard Technologies danno un punteggio ai siti di notizie sulla loro affidabilità e affidabilità generale.

L’analisi è progettata per essere trasparente e include il nome del personale che ha analizzato il sito.

I siti che ottengono almeno 60 punti su 100 in base a nove criteri visualizzano un’icona verde accanto al loro nome e quelli che ottengono un punteggio inferiore ottengono un’icona rossa.

Gli utenti possono facoltativamente leggere ulteriori informazioni, incluso il modo in cui i siti si sono comportati in ciascun criterio.

L’estensione può anche evidenziare potenziali conflitti di interesse, come i siti Web che non rivelano di essere finanziati da gruppi di pressione.

NewsGuard determina il punteggio di credibilità globale di un sito Web in base a una serie di criteri. Questi includono:

La frequenza di pubblicazione di informazioni inaccurate,

L’entità dell’approvvigionamento e la comunicazione originale delle informazioni,

Il grado di demarcazione tra giornalismo di notizie e opinioni,

Accuratezza dei titoli, compreso l’uso dei titoli clickbait,

Il grado di divulgazione della proprietà del sito Web, nonché le posizioni politiche dei proprietari,

I siti etichettati come inaffidabili includono InfoWars , Daily Kos , Sputnik , RT e WikiLeaks.

NewsGuard è stato criticato da Breitbart News come “l’ultimo sforzo dei media dell’establishment nella lista nera di siti di media alternativi”.

NewsGuard tenta di lavorare con siti che definiscono inaffidabili per consigliarli su come conformarsi ai loro criteri.

NewsGuard Technologies è in pratica un contenitore che decide se quella fonte è affidabile oppure da scartare, poi contatta la fonte e gli comunica cosa e come dovrebbe fare il lavoro di informazione, questa consulenza ovviamente ha un costo per la testata X. Se non accetti viene inserito in black list. In Italia questo metodo minatorio è un reato, regolato dal Codice Penale.

E’ opportuno che l’Ordine Nazionale dei Giornalisti ed il Ministero della Giustizia vigilano su queste iniziative private che possono minare la credibilità del lavoro svolto dai giornalisti e da testate giornalistiche italiane.

Ma come si fa a sapere se una fonte è vera o falsa, se una testata pubblica notizie vere o false? Esistono metodi ben precisi sin dalla notte dei tempi, da prima che nascesse News Guard. In primis, basta incrociare le fonti, minimo tre volte. Questo vuol dire che bisogna avere il tempo di cercare, documentarsi, verificare. Pertanto quei giornalisti che non lo fanno, sono già rei di scarsa serietà e professionalità. Per ulteriori approfondimenti su come evitare fake news, leggi la nostra guida.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.