LA EVOLUZIONE VERSO UN AMBIENTE PULITO O TOSSICO?

Reading Time: 3 minutes read

la preoccupazione centrale di coloro che favoriscono un governo centralizzato globale aziendale (insieme a tecnologia ed energia) è la questione del clima e dell’ambiente. Sia l’ambiente che il clima sono strettamente correlati all’energia, poiché alcuni aspetti dell’ambiente saranno la fonte di energia. Che si tratti di cibo o petrolio, tutta la vita ruota attorno all’energia e al suo controllo.

Come ho scritto prima, anche l’azione umana stessa è energetica, quindi l’idea di dominio a tutto spettro deve naturalmente concentrarsi sul controllo dell’energia umana e delle risorse naturali che circondano l’umanità.

l’indottrinamento dato dall’istruzione pubblica e dal mondo accademico è che il mondo moderno si è accidentalmente messo in difficoltà a causa delle risorse limitate e della sovrappopolazione.

Il sistema universitario diffonde quasi universalmente la visione dogmatica del mondo dell’energia e delle risorse limitate e della sovrappopolazione che porterà inevitabilmente alla nostra catastrofe come “civiltà”.

Così va la narrativa mitologica, a meno che non vengano intraprese azioni immediate per fermare la produzione, il capitalismo del mercato locale, i biocarburanti e le emissioni di carbonio, la terra vacilla sulla sponda dell’apocalisse, mentre la vita umana è condannata. Da bambino degli anni ’80, ricordo di aver visto infinite notizie e avvertimenti su “inquinamento” e “consumo eccessivo” che avrebbero portato alla perdita di tutte le foreste pluviali e alla morte di tutte le balene.

Il colpevole: troppi umani e troppe automobili. Eppure eccoci qui nei prossimi millenni, e nessuno parla delle balene o delle foreste pluviali. Eppure avremmo dovuto essere tutti morti quando sarebbero scomparsi, perché si sarebbe aperto un enorme buco nello strato di ozono e saremmo stati tutti fritti. La realtà: niente di tutto questo è vero.

Le origini del culto ambientale provengono dalla fondazione di Rockefeller e dai think tank europei come il Club of Rome. The First Global Revolution del Club of Rome del 1991 si basa sulla vecchia pubblicazione del 1972, Limits to Growth, che promuove la fine dell’industrializzazione e della “sostenibilità”.

“Il nemico comune dell’umanità è l’uomo. Alla ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, abbiamo avuto l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili sarebbero stati la soluzione giusta. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano ed è solo attraverso atteggiamenti e comportamenti modificati che possono essere superati. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa “.

Questo paragrafo dice davvero tutto. L’agenda è inventata, ed è inventata con la chiara intenzione di essere antiumana. Mostra anche che il presunto movimento ambientalista “di sinistra” è di fatto creato, progettato e finanziato da interessi multimiliardari internazionali, come David Rockefeller. Il motivo per cui i maggiori capitalisti internazionali promuovono e finanziano il socialismo e l’ambientalismo non ha nulla a che fare con l’ambiente, ma ha a che fare con la soppressione di qualsiasi concorrenza. Interrompere ogni concorrenza porta quindi all’obiettivo a lungo termine dello spopolamento di massa. Sebbene lo spopolamento possa sembrare allettante per la cosiddetta “élite” accademica, la realtà è che l’obiettivo è l’eliminazione dell’umanità, punto. Dalle ceneri dell’uomo morto emergerà l’uomo nuovo, l’élite techno socialista che si fonde con i robot. Questa falsa dialettica è il motivo per cui a I “marxisti” come Gorbaciov fanno parte dello stesso pannello di propaganda della “Carta della Terra” che i Rockefeller “capitalisti” promuovono .

The entire goal of the environmental cult is also geared towards a new, invented religion of environmentalism where “Gaia,” or mother earth becomes the immanentist goal of human worship. This worship of the creation, though, is classic paganism.

Classic paganism has the dulling effect of the loss of human reason and subordination to superstition and fear which is not surprising, given that the entire environmentalist cult is based on an engineered fake revolution of corporate bureaucrats in think tanks.

The trendy hipsters that obsess over environmentalism and celebrate their new holy days like “Earth Day” are merely the brainwashed tools of corporate elites, themselves the tools of even higher elites who desire mass genocide.

As the western world continues to give sway to this phony religion of think tank skullduggery, things will only worsen as families cease to exist, industry and economies collapse, culture disintegrates, and even religious leaders themselves compromise and buy into the environmental brainwashing, as both lo hanno fatto il Papa di Roma e il Patriarca ecumenico .

Questi falsi parlano tutto il giorno di pseudoambientalismo, ma non parlano mai di reali preoccupazioni ambientali come il fluoro nell’acqua, i vaccini, l’irrorazione delle scie chimiche, gli alimenti e gli animali OGM e lo spopolamento di massa! È perché hanno concesso a Global Green Luciferian Government.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.